Forum

Titoli internaziona...
 
Notifiche
Cancella tutti

Titoli internazionali dei pugili italiani

Pagina 1 / 2

Snaporaz
Post: 134
Topic starter
(@snaporaz)
Leggeri•60Kg
Registrato: 9 mesi fa

Per l'europeo dei supermedi arriva l'ennesimo nome per il co-sfidante Giovanni de Carolis. 

Dopo Cukur, Zeuge, Bursak, Bauer, tutti saltati per varie ragioni, è ora la volta dell'inglese Lerrone Richards (14-0, 3 KOs), poco pugno ma buon tecnico, otto anni più giovane del nostro ma assai meno esperto, che ha chiuso il 2020 con due match ravvicinati. 

Vediamo se sarà questo l'avversario finale per il titolo, e dove questo si riuscirà a disputare. Asta fissata al 20 gennaio. 

25 Risposte
Erik
Post: 150
 Erik
(@erik)
Leggeri•60Kg
Registrato: 9 mesi fa

Spero che De Carolis possa finalmente combattere, se non ricordo male è da metà 2019 che non lo fa e non è più un ragazzino e per quanto mi riguarda vorrei vederlo al meglio e vincente, non ho avuto il piacere di conoscerlo ma persone di cui tengo i pareri in grande considerazone mi dicono che è anche un'ottima persona

L'avversario non è male è un buon pugile ma si può battere, l'incognità è la ruggine che può essersi accumulata in questi lunghi mesi

Rispondi
Hey Má
Post: 99
(@massimo)
Gallo•56Kg
Registrato: 9 mesi fa

Sicuramente il tempo non è dalla parte del nostro

Rispondi
Snaporaz
Post: 134
Topic starter
(@snaporaz)
Leggeri•60Kg
Registrato: 9 mesi fa

Accordo raggiunto, il match come ipotizzabile si farà in UK entro la primavera. Evitata l'asta prevista per domani. 

Nei giorni scorsi ho rivisto qualcosa di Lerrone Richards che ricordavo in modo approssimativo e in parte confondendolo con Craig (Richards), il mediomassimo.

Lerrone è un pugile che stilisticamente può creare dei chiari problemi a De Carolis: un tecnico mancino ben impostato, che sa mantenere il controllo della distanza usando il jab destro e i movimenti brevi ma continui delle gambe. E' ben bilanciato e impostato, ordinato nel modo di attaccare e attento in difesa. I suoi colpi migliori sono il diretto sinistro, ma anche il montante destro al volto di prima intenzione (colpo che ha dettato legge contro Langford). Non ha pugno né grande rapidità di braccia, tuttavia ha buona precisione e tempismo dei colpi. Tra i difetti invece anche una certa rigidità del tronco. 

Questo almeno nei primi 5-6 round, dopodiché Richards sembra avere un calo netto e progressivo. Appare stanco, meno mobile, la brillantezza gli viene meno e il suo workrate, già parecchio contenuto, si riduce ulteriormente. Questo è successo contro Clarke, sì un attaccante, ma che oltre a mettere una certa pressione e portare sporadici attacchi disordinati, non faceva molto altro. Lerrone ha comunque vinto largamente, la SD è bugiarda.

Ecco, il De Carolis migliore che ricordiamo, quello 2014-2016, dopo una prima parte stilisticamente di ovvia sofferenza tecnica, avrebbe sicuramente saputo approfittare di questo calo, capitalizzando il crescendo e mettendola sull'agonismo e il carattere, oltre che sull'esperienza. Poterlo fare ora a 36 anni è invece più incerto, nonostante in fondo siano stati gli ultimi 4 rd contro Gevor, dopo alcuni tentennamenti e imbarazzi, a dargli la giusta vittoria. 

Immagino quindi una prima parte piuttosto chiara per l'inglese, e una seconda parte invece più equilibrata, con diversi clinch. Se davvero così andasse, vincere ai punti in UK risulterebbe molto difficile, l'ideale sarebbe cercare il KO, sondando la mascella apparentemente ancora poco conosciuta del 28enne inglese. 

Rispondi
Magic Man
Post: 662
Moderator
(@magic-man)
BoxeManiac
Registrato: 9 mesi fa

Edis Tatli ha ufficialmente rinunciato a battersi per l'europeo dei leggeri a causa di un infortunio alla spalla, quindi Gianluca Ceglia affronterà un altro co-sfidante. Voci di corridoio dicono che potrebbe trattarsi di Mohamed Khalladi, che pur non avendo ancora ricevuto la cittadinanza italiana è stato inserito nelle classifiche EBU. Sarebbe una bella sfida.

Rispondi
1 Rispondi
Gentleman
(@gentleman)
Registrato: 9 mesi fa

Mosca•52Kg
Post: 34

Buccioni lo da già per fatto e da disputarsi in Italia.

 

Rispondi
Snaporaz
Post: 134
Topic starter
(@snaporaz)
Leggeri•60Kg
Registrato: 9 mesi fa

E' in banca da tanto, ma c'erano tempi da rispettare. Sarà nel salernitano. 

Rispondi
Bepiros
Post: 266
(@bepiros)
Superleggeri•64Kg
Registrato: 9 mesi fa

Il 27 marzo ci dovrebbe essere la sfida per il titolo della Comunità Europea dei mediomassimi tra Faraci e Dibombe, Faraci lo seguo da un bel po' e non gli vedo fare progressi tecnici, anche nella sua vittoria contro Cukur ha evidenziato tante lacune, scomposto, spesso scoperto, porta i colpi male e senza l'ausilio delle gambe eppure tra gli italiani è uno dei pochi che può vantare una dominanza fisica sugli avversari, strutturato benissimo ha colpi solidi ed un buon workrate, peccato perché come per altri nostri pugili la mancanza di una buona guida forse ne limiterà la carriera, contro Dibombe, che è pugile meglio impostato sicuramente, comunque sono speranzoso, il nostro mi sembra più consistente e se è migliorato anche di un poco secondo me se la gioca 

Rispondi
Snaporaz
Post: 134
Topic starter
(@snaporaz)
Leggeri•60Kg
Registrato: 9 mesi fa

Due notizie appena sfornate.

Il famoso europeo vacante tra De Carolis e L.Richards dovrebbe farsi il 15 maggio a Londra, ovviamente in una serata Matchrooom. 

Mario Alfano è nuovamente co-sfidante insieme ad Eric Donovan per l'UE dei superpiuma. Donovan è un discreto pugile mancino, piuttosto efficiente dalla lunga, che però da buon irlandese ha l'istinto di strafare. Nel 2020 è stato protagonista di un match bellissimo con Zelfa Barrett, che ha alla fine perso proprio per questa gestione troppo avventata, quando era in chiaro vantaggio. Alfano come noto aveva disputato l'UE vacante a Roma a dicembre, perdendo ai punti contro l'attivo e reattivo maltese Laamouz, che però poi è stato beccato dal doping per uno steroide anabolizzante.  Quindi titolo vacante. Se si fa, l'iralndese è a mio parere il favorito. 

Rispondi
Bepiros
Post: 266
(@bepiros)
Superleggeri•64Kg
Registrato: 9 mesi fa

Anche De Carolis non è che parta favorito, anzi...

Rispondi
Magic Man
Post: 662
Moderator
(@magic-man)
BoxeManiac
Registrato: 9 mesi fa

Penso anch'io che Alfano parta sfavorito purtroppo. Su Richards vs De Carolis non mi esprimo ancora perché conosco poco l'atleta inglese, cercherò di vedere qualche suo match nel prossimo futuro.

Rispondi
Bepiros
Post: 266
(@bepiros)
Superleggeri•64Kg
Registrato: 9 mesi fa

A me Richards sembra buono, almeno abbastanza per l'ultimo De Carolis che ho visto, quello di Akkawy, sembrava un ex pugile, non l'ho visto contro Gevor dove mi sembra di capire abbia fatto meglio, 

Rispondi
Magic Man
Post: 662
Moderator
(@magic-man)
BoxeManiac
Registrato: 9 mesi fa

In verità contro Gevor la performance di Giovanni non è stata un granché. Certo ha vinto con merito, ma aveva di fronte un pugile più che bollito che gli ha creato diversi grattacapi nella prima parte. Credo che il miglior match di De Carolis tra gli ultimi che ha disputato sia stato quello con Lepei.

Rispondi
Bepiros
Post: 266
(@bepiros)
Superleggeri•64Kg
Registrato: 9 mesi fa

Falcinelli il 28 maggio va a Berlino a combattere per il titolo internazionale IBF superwelter contro  Matevosyan, l'italiano potrebbe a mio parere avere molte chance contro il tedesco armeno, le difficoltà di combattere per un titolo all'estero sono sempre enormi per un pugile fondamentalmente inesperto e ancora ingenuo come il nostro ma mi aspetto tanto coraggio ed entusiasmo dal nostro, ha un motore che gira più veloce di quello di Matevosyan che mi appare alquanto scontato nel suo incedere, rischierà sicuramente tanto  ma potrebbe con il passare dei round soffocare le iniziative ritmate dell'aversario

Rispondi
Magic Man
Post: 662
Moderator
(@magic-man)
BoxeManiac
Registrato: 9 mesi fa

Ho dato un'occhiata ad alcuni spezzoni degli ultimi match di Richards. Devo dire che mi ritrovo con l'analisi di Snaporaz: dall'impressione parziale che mi sono fatto il miglior De Carolis avrebbe potuto fare suo il match in rimonta con una condotta tattica aggressiva e spregiudicata. Oggi però non credo che a Giovanni sia rimasta l'energia necessaria per portare a casa l'impresa: Richards non sembra far particolarmente male, ma è abbastanza mobile, ha buoni colpi dritti e non è facilmente leggibile nelle sue azioni. Mi aspetto una vittoria ai punti dell'inglese, sperando di sbagliarmi.

Rispondi
Erik
Post: 150
 Erik
(@erik)
Leggeri•60Kg
Registrato: 9 mesi fa

Sono anche io convinto che il miglior De Carolis tornava a casa con la cintura, purtroppo il tempo passa e due anni senza combattere sono un macigno, peccato, perchè Richards non è nulla di che, di sicuro, comunque vada, il nostro pugile ha nobilitato lo sport che pratica, mai sopra le righe e sempre pronto a combattere anche nel giardino di casa dell'avversario di turno

Rispondi
Pagina 1 / 2
Condividi: