Forum

Lo scenario dei med...
 
Notifiche
Cancella tutti

Lo scenario dei mediomassimi

Pagina 2 / 2

Magic Man
Post: 661
Moderator
Topic starter
(@magic-man)
BoxeManiac
Registrato: 9 mesi fa

Era già tutto scritto per far andare in porto Smith vs Beterbiev. Io ho 116 a 112 per Vlasov, poi qualche round equilibrato lo si può anche girare in favore di Smith, ma già il pareggio a mio avviso andrebbe stretto al russo. Smith ha avuto il merito di chiudere meglio, vincendo i championship round, quando Vlasov, che ha speso una quantità di energie enorme per tenere un workrate altissimo è fisiologicamente calato, ma in tutta la parte precedente del combattimento ha puntato troppo sui colpacci singoli e troppo poco sulla continuità d'azione. La ferita all'occhio sinistro subita già nel primo round può aver condizionato l'americano negativamente: ho notato che se la toccava spesso e volentieri col guantone, visibilmente preoccupato. Un giudice ha persino dato a Smith una ripresa per 10 a 8 (suppongo la settima, la più netta in suo favore, ma a mio avviso non da due punti). Nulla di nuovo sotto al sole comunque, quando un pugile è già proiettato verso un match pubblicizzato riceve quasi sempre la spintarella in caso di match equilibrato (tra le poche eccezioni, Baldomir vs Judah).

Rispondi
Steo
Post: 45
 Steo
(@steo)
Mosca•52Kg
Registrato: 9 mesi fa

Smith contro Beterbiev si fa male

Rispondi
Triple G
Post: 80
(@triple-g)
Gallo•56Kg
Registrato: 9 mesi fa

Vlasov è sempre stato un duro, ero sicuro avrebbe reso la vita difficile a Smith e mi aspettavo anche una sua probabile vittoria che a quanto leggo non è avvenuta per discorsi gà abbastanza noti.

Stimo tantissimo sia Smith che Vlasov, 2 esempi di costanza e dedizione incredibili. Smith lo conosciamo tutti da quando ribaltò il pronostico distruggendo Fonfara, è un duro, ha un pugno pesantissimo ma è tremendamente limitato. Lo è da sempre e lo sarà fino a fine carriera. Sembra comunque leggermente migliorato dai tempi in cui perdeva da Barrera. Rimane comunque un pugile mediamente ostico, facilmente disinnescabile, ma uno con cui non si deve scherzare. Solo Bivol l'ha portato a scuola giocandoci e incassando un destro tremendo da parte del muratore americano e dimostrando una mascella a mio parere decisamente sopra la media.

Vlasov invece è l'esempio di determinazione che dovrebbero far passare in ogni palestra come modus operandi per ogni pugile. Lavora continuamente per far meglio ed è un peccato che non abbia coronato un sogno che alla fine meritava ampiamente. Parliamo di un ex super medio, che ha perso (facendosi valere) contro Ramirez, sale nei cruiser e batte per ko 2 picchiatori limitati ma dalle mani pesanti come Chahkiev e Durodola...da ex super medio! Poi prova contro Glowacki, perde e scende di categoria e batte il sempre competitivo Chilemba. Insomma, gran bel esempio per ogni pugile al mondo.

Ero sicuro che uno come Vlasov avrebbe retto i colpi di Smith e soprattutto non si sarebbe fatto intimorire dalla potenza dei colpi e dall'aggressività dell'americano in quanto ha "cazzimma" da vedere. Anzi, a pensarci bene avrei visto più con interesse un Beterbiev-Vlasov che un Beterbiev-Smith.

Stasera mi recupero il match

Rispondi
Erik
Post: 150
 Erik
(@erik)
Leggeri•60Kg
Registrato: 9 mesi fa

Match bello da vedere, nessuno dei due è un top di categoria, ma sono fighters che danno sempre tutto quello che hanno, a me è piaciuto e per la cronaca ho visto uno Smith vincente al fotofinish

Rispondi
Snaporaz
Post: 134
(@snaporaz)
Leggeri•60Kg
Registrato: 9 mesi fa

Francamente ho appena visto il match e ho ancora l'amaro in bocca per quello che giudico, dal mio punto di vista, un verdetto profondamente sbagilato. Avrei 117-112 con una ripresa pari. Match che non mi è parso nemmeno difficile da giudicare, e sul quale non so proprio come si possano vedere più di 4 round per l'americano. 
Che Smith avesse problemi con gente che sa boxare era noto, come erano noti però anche alcuni suoi miglioramenti dovuti però più alla convinzione personale che non alla tecnica. La sua vittoria su Alvarez la attribuisco però più al fatto che il suo rivale fosse già con la testa su qualche isola a godersi la pensione che altro. E no, non è mancanza di rispetto quando si fa notare che forse lo sconfitto non era nella sua giornata, è una semplice osservazione che nulla toglie al risultato ottenuto dal vincitore. Vlasov, la cui carriera come pesi è stata un'altalena, ha uno stilo molto sciolto e rilassato, boxa in controtempo, finta spesso, porta molti colpi (alcuni un poco a schiaffo) ma senza quasi mai caricarli al massimo. Questo stile ha in pratica rubato il tempo a Smith, lo ha costretto sulla difensiva (molto spesso schiena alle corde, posizione dalla quale Smith è praticamente nullo) a lasciare andare qualche sganassone, spesso a vuoto, qualche volta a segno. L'errore maggiore che faceva Vlasov era, una volta portato indietro l'avversario ed aver accorciato con qualche jab o combinazione in scioltezza, restare aperto a media distanza fregandosene del richiamo difensivo. Questo ha permesso a Smith di mettere dentro qualche colpo, tuttavia sempre nell'impressione di euilibrio precario, rigigidità del tronco e anche una certa stanchezza o mancanza di resilienza, cosa che avevo notato in lui anche altre volte. Chiaramente ha ragione Magic quando dice che con un match così importante (Smith-Beterbiev) per l'organizzatore già in piedi, la truffetta era nell'aria. Basti vedere anche tutta la cagnara che stavano facendo gli uomini di Smith nell'11 quando in seguito a 2 colpi dietro la nuca Vlasov si è inginocchiato (ma non c'è stato conteggio, giustamente) ma poi si è preso il tempo per recuperare da quei due colpi irregolari - chiedevano l'abbandono del pugile così da portarsi a casa la pagnotta, che sarebbe stata altrimenti immeritata. E credo che la ripresa da 10-8 possa essere stata quella, ma nonho verificato. 

Dunque, il match con Beterbiev lo vedo male per Smith, per una ragione semplice. Come stile, andrebbe pure bene. Beterbiev è un fighter-puncher viene avanti chiuso e raccolto, e accetta anche di essere colpito, e Smith quando può andare a segno bene sa anche fare male col destrone a giro - e questo potrebbe, magari, darci risposte sul Beterbiev di oggi, almeno a chi si fa delle legittime domande. Il problema è che Smith ha, a mio avviso, dei problemi caratteriali e di resilienza. Quando sente un colpo, o quando viene tagliato, ne viene fuori con difficoltà. Anche con Barrera è sembrato intimidirsi quando veniva colpito nettamente. Io credo che con Beterbiev rischierà di sentire presto la differenza in potenza e in solidità, anche mentale, che c'è tra i due, e finirà per pagarne le dirette conseguenze. Fossi in Smith cercherei di lanciare subito il cuore oltre l'ostacolo e cercare di fare male al ceceno molto molto presto, altrimenti saranno abbastanza presto problemi seri.   

Rispondi
Magic Man
Post: 661
Moderator
Topic starter
(@magic-man)
BoxeManiac
Registrato: 9 mesi fa

Sono sostanzialmente d'accordo con l'analisi di Snaporaz a eccezione di un solo punto: da quanto ho capito io le rumorose lamentele degli uomini di Smith durante la fase di interruzione dopo il colpo alla nuca non erano legate al fatto che l'arbitro desse al russo tempo per recuperare, quanto al fatto che lo abbia indirizzato, contrariamente al regolamento, verso il suo stesso angolo invece che all'angolo neutro. Vlasov ne ha infatti approfittato per ascoltare da vicino le indicazioni del suo team. Questa è l'interpretazione che hanno dato in telecronaca dell'accaduto, ora non posso avere la certezza che sia andata proprio così perché naturalmente non so cosa stessero urlando di preciso da bordo ring, ma effettivamente Vlasov non ha recuperato all'angolo neutro e questo è stato un errore.

Rispondi
Erik
Post: 150
 Erik
(@erik)
Leggeri•60Kg
Registrato: 9 mesi fa

Come può capitare (anche per chi è pagato per giudicare) non sono in linea con i vostri cartellini, ma probabilmente è il mio criterio di giudizio che non è corretto, io (sbagliando) do la ripresa anche ad un solo cazzottone ben dato a fronte di venti pugnetti...

Rispondi
Snaporaz
Post: 134
(@snaporaz)
Leggeri•60Kg
Registrato: 9 mesi fa

Solo per il piacer di conversare: io penso forse di essere tra i più "possibilisti" sui verdetti in quei match non facili da giudicare, ovvero quelli che hanno 5, 6 o anche più riprese davvero equilibrate e difficili da assegnare. In questi casi, quando leggo pareri di persone che credono di avere l'unico cartellino "giusto" (cioè il loro) e storcono il naso se qualcuno ha 2 punti in più o in meno (rispetto al loro), non considerando poi che anche i giudici stessi ci sono competenze, prospettive personali, gusti e stili preferiti, oltre come ovvio ad amicizie e in qualche caso a connivenze, mi viene da sorridere. A maggior ragione se è gente che ha visto centinaia di match.

Ma in questo caso mi sento di avere, sempre dal mio punto di vista, una discreta certezza. Non lo reputo il furto del secolo, no, ma un verdetto sbagliato credo proprio di sì e competerà ad essere tra i più sbagliati dell'anno alla fine. Vlasov ha imposto il suo match, portato Smith sulla difensiva rubandogli il tempo dell'azione, lo ha costretto a portare colpi a volte quasi alla cieca, perché veniva sempre toccato e anticipato. Hai ragione, in quei casi sporadici in cui Smith andava a segno e non a vuoto (anche platealmente), i suoi colpi avevano maggiore impatto. E cercava di iniziare meglio i round, Smith, poi Vlasov riprendeva presto il controllo. Il russo ha finito stanco e in difficoltà, nell'11 aveva sentito dei colpi per giunta. Però... 

Ho letto che i numeri di boxrec sono stati completamente spallati, devo controllarli. Ma quasi tutti i maggiori addetti, americani compresi, avevano vincente il russo di 4 o 2 punti, in pochissimi un pari. Penso che anche tutta la manfrina fatta nell'11° rd sia sintomatico di quanto loro stessi fossero consapevoli che il loro pugile fosse nettamente indietro. Anche perché dubito che il motivo fosse il non mandare Vlasov all'angolo neutro (per quanto sia ovviamente un errore), se fai tutto quel bordello è perché miri a ottenere qualcosa in più, penso io. Comunque la stessa 11^ ripresa è stata data da 2 punti da parte di un giudice.

Ma voltiamo pure pagina.  😉

Rispondi
Magic Man
Post: 661
Moderator
Topic starter
(@magic-man)
BoxeManiac
Registrato: 9 mesi fa

Stasera Callum Johnson si è preso un bello spavento contro il 38enne croato Emil Markic che è riuscito a scuoterlo pesantemente nel primo round facendogli piegare le gambe con un bel destro incrociato. Johnson è riuscito a restare in piedi e nella seconda ripresa dopo aver chiuso l'avversario alle corde lo ha tempestato di colpi pesanti fino allo stop arbitrale.

Rispondi
Magic Man
Post: 661
Moderator
Topic starter
(@magic-man)
BoxeManiac
Registrato: 9 mesi fa

Il mio resoconto di Bivol vs Richards:

https://boxe-mania.com/news/bivol-richards-vittoria-ai-punti-senza-infiammare-gli-animi/

Rispondi
Magic Man
Post: 661
Moderator
Topic starter
(@magic-man)
BoxeManiac
Registrato: 9 mesi fa

https://boxe-mania.com/news/ramirez-vs-barrera-ko-in-quattro-round-punta-alle-cinture/

Rispondi
Bepiros
Post: 266
(@bepiros)
Superleggeri•64Kg
Registrato: 9 mesi fa

Io vorrei vederlo contro Canelo, per me sarebbe il più ingestibile per il rosso degli avversari tra i mediomassimi, lo vedo chiaramente favorito 

Rispondi
Magic Man
Post: 661
Moderator
Topic starter
(@magic-man)
BoxeManiac
Registrato: 9 mesi fa

Ho visto la vittoria di Joshua Buatsi contro Bolotniks di questo sabato. Il mediomassimo inglese mi è piaciuto, ha evidenziato secondo me diversi miglioramenti rispetto ai suoi incontri precedenti. Continua a essere un po' rigido e a caricare il destro in modo un po' macchinoso, ma pian piano si sta sciogliendo e ora usa il jab con notevole efficacia. Fino al settimo round secondo me il match è stato un mezzo monologo: Buatsi ha controllato con agio le riprese di apertura azionando a ripetizione il sinistro e tenendo la distanza a lui favorevole, poi quando l'avversario ha provato a venir fuori dal guscio lo ha ridotto a più miti consigli con combinazioni pesanti. Bellissimo in particolare il KD del sesto round, un gancio sinistro terribile e potenzialmente letale. Bolotniks è stato quindi costretto a snaturarsi e ad agire da outfighter per buona parte dei minuti dato che negli impatti ravvicinati soffriva eccessivamente il gap di fisicità. Dall'ottava ripresa il lettone, resosi conto di essere notevolmente indietro ai punti e di non poter vincere senza rischiare, ha coraggiosamente cercato di accorciare la distanza e di giocarsi il tutto per tutto e così facendo oltre ad aumentare il tasso di spettacolarità del match ha anche colto qualche risultato (io gli ho assegnato ottavo e nono round). L'enorme sforzo profuso lo ha però condotto verso il disastro: Buatsi infatti non si è minimamente scomposto, ha continuato a battagliare e ben presto si è trovato a disporre di un avversario esausto e vulnerabile trovando il varco per il terribile KO. Non credo che Buatsi sia già all'altezza dii Bivol e Beterbiev ma la strada intrapresa per arrivare in alto mi sembra quella giusta.

Rispondi
Pagina 2 / 2
Condividi: